Logo studio Capaccio
Consigliato su ProntoPro Lucia Capaccio

Bine ați venit

Nuovo servizio!

Più o meno costrette a causa dei nefasti effetti della pandemia, o per semplice spirito imprenditoriale, molte persone stanno accarezzando l’idea di aprire un’attività autonoma.

La domanda ricorrente di chi intende mettersi in proprio è la seguente: “Quanto dovrei riuscire a fatturare, per arrivare ad una retribuzione dignitosa, tenendo conto degli esborsi previdenziali e fiscali ?”.

In primo luogo è necessario contattare lo Studio, per identificare con l'aiuto della Professionista il codice Ateco corrispondente all'attività che si intende intraprendere, e valutare qual è la più vantaggiosa tra le varie opzioni disponibili, dalle quali dipendono strettamente gli importi che andranno ad intaccare il reddito.

Individuato il codice attività corretto, l’aspirante imprenditore può richiedere l’attivazione del Simulatore Reddituale online, dedicato al regime dei forfetari e parte integrante della consulenza, tramite il quale sarà possibile visualizzare il prospetto dei costi da sostenere ed una previsione di massima del reddito netto realizzabile a seconda del fatturato previsto.

Motivațiile care induc o persoană să ia în considerare pornirea unei activităţi autonome sunt mute:

  • spiritul antreprenorial;
  • necesitatea de a se lua înapoi în joc pentru cei care au pierdut locurile de muncă, și poate pentru cei care au o vârstă deosebita ca sa fie salariat.
  • deschiderea TVA

Dacă nu aveți nici o experiență în acest domeniu, este inevitabil să nu posedaţi abilitățile necesare pentru a decide intre nenumeratele optiuni, si in caz de o alegere forțată, destul de intalnita in zilele noastre, pentru a evalua propunerile antreprenorului.

Oricare ar fi motivul care vă stimulează pentru a obține dreptul, costurile asociate cu această alegere trebuie să fie măsurate cu atenție pentru a evalua conștiincios cheltuielile la care vă veți confrunta și suma vânzărilor care este necesară pentru a obține venitul.

Un alt parametru trebuie luat în considerare este complexitatea legilor fiscale din țara noastră, prin care este necesar să fie ghidat de o pregătire profesională, analizarea a acestora cu atenție, toate variabilele posibile pentru a decide care formează corporative luate, în funcție de nevoile sale specifice, tipul de activitate pe care doriți să luați în considerare și posibila prezență a membrilor.

Contabilul va evalua toate variabilele la joacă, va indica cele mai potrivite soluții, va explica clientului costurile, beneficiile și dezavantajele inevitabile și opțiunile diverse.

După ce au analizat toate variabilele și cea mai potrivită soluție, medicul contabil va da de fața cu toate instituțiile implicate în crearea și concluderea unei afaceri(camera de comerț, INPS, INAIL, comună, Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Dogane), îndeplinirea tuturor procedurilor, cu informatizarea administrației publice, sunt realizabile numai sub o formă electronică.

După ce sa început afacerea, contabilul se ocupă cu înregistrarea de contabilitate obligatorie și de gestionare a activelor amortizabile, elaborarea situaților financiare anuale, completarea formularelor, plata de returnări de taxe corporative și personale.

Opțional puteți întocmi planul de afaceri, un document care conține ideea de afaceri și strategii pentru a realiza acest lucru, ajutând antreprenorul pentru a evalua capabilitățile, slăbiciunile și puncte forte ale proiectului.

Doctorul contabil poate oferi o evaluare a companiei, să aibă o valoare de pornire pentru a începe negocierea de o posibilă achiziție, și asistă clientul în cumpărarea sau vânzarea de acțiuni.

Dar lucrarea de către doctorul contabil variază nu numai în domeniul contabil: printre activitățile sale, competența sa include administrarea activități, aprecieri, evaluări și opinii, consultanța contractului de muncă, sau alte feluri de contract, revizii, succesiuni ereditare.

Adnkronos

(30-SET-22 16:22) Caiumi (Confindustria Emilia Centro),'pre-payment gas decuplicati per distributori'
Immagine Adnkronos

Bologna, 30 set. (Labitalia) - "A parte per le imprese che avevano acquistato energia a prezzo bloccato, i costi dell'energia per le aziende del territorio sono altissimi. Ma la cosa ancora più impressionante sono i pre-payments in capo alle aziende che acquistano e distribuiscono energia. Se fossero cifre normali, passa. Ma qui parliamo di pre-pagamenti in termini di garanzia e di pagamenti in tempi molto accorciati, che, con l'aumento dei costi dell'energia di 6-7 volte, raggiungono cifre impressionati e ci sono imprese che adesso sono in seria difficoltà di cassa". Lo dice ad Adnkronos/Labitalia Valter Caiumi, presidente di Confindustria Emilia Area Centro, l'associazione di imprese di Bologna, Ferrara e Modena.

Caiumi parla per testimonianza diretta: "All'interno della nostra associazione -ricorda Caiumi- ci sono anche aziende che acquistano e distribuiscono energia, anche grandi operatori, e vediamo che in certi casi gli hanno accorciato di parecchio i tempi di pagamento e che le garanzie richieste sono quasi decuplicate: se prima si parlava di 100 milioni ora si parla di quasi 1 miliardo"

Il problema della corsa al rialzo dei prezzi energetici, osserva Caiumi "è una catena ed è una catena che si scarica chiaramente sull'utente finale, quindi imprese e cittadini". "Una situazione difficile e ancora più difficile dopo la scelta della Germania: se la Germania effettivamente va per conto suo, metterà a disposizione dei soldi per difendere la sua economia e i suoi cittadini, ma scaricherà un problema addosso ad altri e noi siamo tra quelli", conclude Caiumi.

Al nuovo governo gli industriali oggi chiedono "certamente una manovra che cerchi comunque di calmierare il prezzo dell'energia e di tenere conto anche degli aspetti di cassa delle imprese che acquistano e distribuiscono energia" dice Valter Caiumi. In particolare aggiunge Caiumi, "bisogna che il nuovo governo trovi un modo per togliere ai gestori il pre-payment dell'energia, allentando la pressione sulla parte finanziaria". "Anche la filiera della distribuzione ha problemi -aggiunge Caiumi- durante la prenotazione e l'acquisizione del gas. Lo Stato può trovare il modo di operare nel front line dei gestori o in un'altra parte del segmento della filiera come i fruitori, per fornire una qualche forme di garanzia".

Tra le imprese del settore ceramica, settore altamente energivoro "c'è già stato qualcuno che ha mitigato il problema dei costi, efficientando i processi produttivi, magari interrompendo la produzione in certi momenti per il magazzino e cercando di essere più snelli: certamente c'è molta preoccupazione, soprattutto per le imprese che hanno acquistato energia a prezzo bloccato che terminerà tra pochi mesi e quindi avranno un impatto enorme. Il sistema per ora regge perché c'è stato business" spiega il presidente di Confindustria Emilia Area Centro, l'associazione di imprese di Bologna, Ferrara e Modena.

"E' una situazione un po' 'mista' -racconta Caiumi-. Il mercato di per sè è andato bene in termini di domanda e questo è l'aspetto positivo, sia nel 20-21 che nel 20-22 , ma si attende - e questo è comune denominatore di tutta Italia e di tutta Europa- una curva che inizia a scendere. Il business ha finora compensato la riduzione del markup delle imprese, ma alla prima flessione non ci riusciranno più", conclude. (di Mariangela Pani)

Știri


10.04.2014
Caf-ul sau contabilul? argumente pro şi contra Citește

Articole


06.07.2014
Datorii colectate în numele registrul comercial Citește


05.07.2014
Redus capitalul pentru a costituii o societate pentru acțiuni Citește


06.05.2014
Equitalia: folderele de plată Citește


06.05.2014
Equitalia: Cum descoperi poziţia ta Citește

Site-uri recomandate


03.03.2022
Sometimes Art is just under the dust Deschide


14.01.2022
Camera di Commercio di Milano Deschide


14.01.2022
Camera di Commercio di Milano Deschide


30.11.2021
Cryptoavvocato Deschide

© 2022 Studio Capaccio | P.Iva 02612570966 | Privacy | Realizzato da newgst.com