Logo studio Capaccio

08.05.2014 - Contratto comodato d'uso, quando deve essere registrato

Il contratto di comodato è il contratto col quale una parte consegna all'altra una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l'obbligo di restituire la cosa ricevuta.

Il comodato è solitamente gratuito.

Questo contratto è disciplinato dagli articoli dal numero 1803 al numero 1812 del Codice Civile e non è obbligatoria la forma scritta.

Qualora ci fosse la necessità di redigerlo in forma scritta, è necessario provvedere alla registrazione presso l'ufficio dell'Agenzia delle Entrate nelle seguenti casistiche:

  • se riguardano beni mobili e sono formati mediante scrittura privata non autenticata (Tariffa, parte seconda, art. 3)
  • in caso d'uso se concernono beni mobili e sono formati per atto pubblico o scrittura privata autenticata (Tariffa, parte prima, art. 11 Dpr 131 del 26 aprile 1986)
  • se concernono beni immobili (Tariffa, parte prima, art. 5 Dpr 131 del 26 aprile 1986 )

L’imposta di registro attualmente dovuta è di 200 euro.


Per maggiori informazioni,assistenza e preventivo contattaci


News


22.06.2021
Assegno temporaneo per i figli minori: attuazione della misura Leggi


11.05.2021
Quanto vale il mercato dei certificati digitali NFT Leggi


29.04.2021
Il fisco inglese a caccia di redditi immobiliari in Italia Leggi


28.04.2021
The English taxman on the hunt for real estate income in Italy Leggi

Siti consigliati


10.08.2021
Agenzia Arena Apri


14.07.2021
Fare Impresa Milano Il portale di chi vuole fare impresa a Milano Apri


06.07.2021
WIKIPEDIA Apri


03.07.2021
Trusters Apri

© 2021 Studio Capaccio | P.Iva 02612570966 | Privacy | Realizzato da newgst.com