Logo studio Capaccio

04.04.2014 - Lotta agli abusi e allo sfruttamento dei minori (Decreto Legislativo n. 39 del 4 marzo 2014)

Con il Decreto Legislativo n. 39 del 4 marzo 2014 è stata recepita la Direttiva 2011/93/UE che riporta disposizioni contro l’abuso e lo sfruttamento dei minori e la pornografia minorile.

Pertanto per i datori di lavoro c'è l’obbligo di richiedere il certificato penale del casellario giudiziario ai lavoratori da destinarsi a mansioni che prevedono un contatto con i minori, per verificare l’esistenza o meno, in capo al lavoratore, di condanne per i reati contro i minori previsti dal codice penale.

In particolare l’art. 2 del D.Lgs n. 39/2014 introduce l’art. 25bis al D.P.R. n. 313/2002, in virtù del quale i soggetti che intendano impiegare al lavoro una persona per lo svolgimento di attività professionali, o attività di volontariato che comportino un contatto diretto con minori, devono richiedere alla predetta persona la consegna del certificato penale del casellario giudiziale previsto dall’articolo 25 del D.P.R. n. 313/2002, dal quale risulti l'assenza di condanne ai sensi degli articoli 600- bis, 600 - ter, 600 - quater, 600 - quinquies, 609 - undieces del codice penale e l'assenza di misure che comportino il divieto di contatti diretti e regolari con minori.

Stante il tenore della norma, ancorché l’art. 25 bis del DPR n. 313/2002 sia intitolato “Certificato penale del casellario giudiziale richiesto dal datore di lavoro”, si ritiene che tra i soggetti tenuti all’obbligo in esame rientrino non solo i datori di lavoro in relazione alle assunzioni di lavoratori subordinati, ma anche i committenti, a prescindere dalla tipologia del rapporto instaurato (ad esempio, rapporti di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto, rapporti di lavoro autonomo, lavoro accessorio, tirocinio, ecc.), nonché i soggetti che impiegano persone per lo svolgimento di attività di volontariato a vario titolo (associazioni, centri culturali, ecc.).

Il mancato adempimento di tale obbligo da parte del datore di lavoro interessato comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 10.000 a euro 15.000.

Si attende un intervento da parte del Ministero del Lavoro, anche per chiarire l’eventuale estensione dell'obbligo ai rapporti già esistenti che comportano contatti diretti e regolari con minori.

News


22.06.2021
Assegno temporaneo per i figli minori: attuazione della misura Leggi


11.05.2021
Quanto vale il mercato dei certificati digitali NFT Leggi


29.04.2021
Il fisco inglese a caccia di redditi immobiliari in Italia Leggi


28.04.2021
The English taxman on the hunt for real estate income in Italy Leggi

Siti consigliati


10.08.2021
Agenzia Arena Apri


14.07.2021
Fare Impresa Milano Il portale di chi vuole fare impresa a Milano Apri


06.07.2021
WIKIPEDIA Apri


03.07.2021
Trusters Apri

© 2021 Studio Capaccio | P.Iva 02612570966 | Privacy | Realizzato da newgst.com