Logo studio Capaccio

31.01.2022 - Che cos'è il computo nella gestione separata?

La circolare 184 emanata dall'INPS il 18 novembre 2015, fornisce un riepilogo sulla facoltà di computo nella gestione separata.

Ma che cos'è il computo nella gestione separata?

Il computo della pensione in gestione separata permette di accreditare i contributi previdenziali versati in diverse gestioni INPS presso la sola gestione separata calcolando la pensione finale SOLO con il sistema contributivo, cioè solo con i contributi versati nel corso della propria vita lavorativa.

Come precisato dalla circolare 184/2015 il computo nella gestione separata vale per i soggetti che:

  • abbiano un’anzianità contributiva inferiore ai 18 anni al 31 dicembre 1995;
  • un’anzianità contributiva pari o superiore ai 15 anni di cui almeno 5 (cinque) anni collocati dopo il 1 gennaio 1996

Qual è l'aspetto interessante del computo in gestione separata?

La possibilità di percepire l'assegno pensionistico al compimento del 64 anno di età, purché l'importo dell'assegno sia pari a 2,8 l'assegno sociale.

Per l'anno 2021 l'importo dell'assegno sociale era pari ad euro 460,28. Conseguentemente la pensione derivante dal computo in gestione separata non potrà essere inferiore ad euro 1.288,78


Per informazioni, assistenza e consulenza personalizzata contattaci a Trezzo sull'Adda

News


22.06.2021
Assegno temporaneo per i figli minori: attuazione della misura Leggi


11.05.2021
Quanto vale il mercato dei certificati digitali NFT Leggi


29.04.2021
Il fisco inglese a caccia di redditi immobiliari in Italia Leggi


28.04.2021
The English taxman on the hunt for real estate income in Italy Leggi

Siti consigliati


14.01.2022
Camera di Commercio di Milano Apri


14.01.2022
Camera di Commercio di Milano Apri


30.11.2021
Cryptoavvocato Apri


15.11.2021
Banca Wir Apri

© 2022 Studio Capaccio | P.Iva 02612570966 | Privacy | Realizzato da newgst.com