Logo studio Capaccio

10.03.2016 - La nuova procedura di dimissioni volontarie

Nell'intento di "semplificare" le procedure e gli adempimenti a carico dei cittadini il decreto legislativo 151/2015 ha previsto una nuova procedura di dimissioni da dimissioni, risoluzione o revoca del rapporto di lavoro, da comunicare esclusivamente online.

Il Ministero del Lavoro ha pubblicato, sul proprio sito internet, la versione dimostrativa della

nuova procedura di dimissioni volontarie e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Le dimissioni comunicate dal lavoratore con modalità diverse rispetto a quelle sopra illustrate saranno considerate inefficaci.

Quindi, nel caso in cui il lavoratore si dimetta con una semplice comunicazione cartacea, il datore di lavoro dovrà invitare e richiedere al lavoratore di utilizzare la nuova procedura informatica, pena l’inefficacia dell’atto.

Si ribadisce che il contratto di lavoro si può considerare risolto solo se le dimissioni sono presentate dal lavoratore per via telematica, utilizzando l’apposito modello predisposto dal Ministero.

E solo con tali modalità il datore di lavoro potrà considerare valide le dimissioni e trasmettere, conseguentemente, entro 5 giorni dalla data di cessazione, l’apposita comunicazione obbligatoria (CO).

Se il datore di lavoro riceve un modello compilato in maniera errata (si pensi, ad esempio, al caso di un lavoratore dimissionario che indichi un preavviso errato indicando una data errata nel campo “Data di decorrenza dimissioni”), si ritiene che il datore di lavoro debba richiedere al lavoratore di provvedere a revocare il modello errato e a compilare nuovamente il modello indicando la data corretta (dalle istruzioni ministeriali emerge, infatti, che una comunicazione di dimissioni inviata possa essere solamente “revocata” ma non “rettificata”).

Si pensi, infine, al caso in cui un lavoratore abbandoni improvvisamente il posto di lavoro senza provvedere alla trasmissione del modulo in esame. In tal caso, al fine di considerare risolto il rapporto di lavoro, il datore dovrà procedere a licenziare il lavoratore per giusta causa, “trasformando” le dimissioni di fatto del lavoratore in un licenziamento effettivo, con relativo aggravio di costi (ad esempio, contributo di licenziamento), e generando, invece, in capo al lavoratore “inadempiente”, il diritto alla NASpI.


Per maggiori informazioni, preventivo e assistenza contattaci


Fonte: Ministero del lavoro

News


22.06.2021
Assegno temporaneo per i figli minori: attuazione della misura Leggi


11.05.2021
Quanto vale il mercato dei certificati digitali NFT Leggi


29.04.2021
Il fisco inglese a caccia di redditi immobiliari in Italia Leggi


28.04.2021
The English taxman on the hunt for real estate income in Italy Leggi

Siti consigliati


11.06.2024
Coin Tracking Apri


06.10.2023
Dipartimento per lo sport Apri


08.04.2023
thecryptogateway Apri


24.02.2023
https://youngplatform.com/ Apri

© 2024 Studio Capaccio | P.Iva 02612570966 | Privacy | Realizzato da newgst.com