Logo studio Capaccio

17.04.2014 - Spese di ristrutturazione: all'erede spettano le restanti rate

In tempo di dichiarazione dei redditi. Uno dei problemi che può presentarsi è a chi attribuire la detrazione 36% sulle spese di ristrutturazione edilizia l'Agenzia delle Entrate in caso di decesso del beneficiario. A tale proposito l'Agenzia delle Entrate si è espressa per ben due volte

circolare 15/E del 5 marzo 2003

all'interno della quale precisa che beneficio fiscale si trasmette, per le quote non detratte dal defunto, agli eredi che, dopo la morte, avranno la materiale e diretta detenzione del bene.

circolare 24/E del 10 giugno 2004

nella quale chiarisce che la «detenzione materiale e diretta dell’immobile» sussiste quando l’erede ha la disponibilità immediata del bene, potendo disporre di esso quando vuole, a prescindere dalla circostanza che l'immobile sia adibito a sua abitazione principale. Resta inteso che è necessario che l’erede sia in possesso della documentazione richiesta dalla norma di agevolazione per poter fruire del beneficio. Da conservare, in caso di controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate, nel fascicolo relativo alla dichiarazione dei redditi (730 o modello Unico) dalla quale si comincia a portare in detrazione la rata di ristrutturazione.

Per maggiori informazioni,assistenza e preventivo contattaci


News


22.06.2021
Assegno temporaneo per i figli minori: attuazione della misura Leggi


11.05.2021
Quanto vale il mercato dei certificati digitali NFT Leggi


29.04.2021
Il fisco inglese a caccia di redditi immobiliari in Italia Leggi


28.04.2021
The English taxman on the hunt for real estate income in Italy Leggi

Siti consigliati


11.06.2024
Coin Tracking Apri


06.10.2023
Dipartimento per lo sport Apri


08.04.2023
thecryptogateway Apri


24.02.2023
https://youngplatform.com/ Apri

© 2024 Studio Capaccio | P.Iva 02612570966 | Privacy | Realizzato da newgst.com